La Torre dell’Elefante di nuovo aperta al pubblico da mercoledì 27 ottobre 2021

I dettagli dei lavori di consolidamento strutturale sono stati illustrati in conferenza stampa

Data:
22 ottobre 2021

Torre dell'Elefante, riapertura dopo i lavori
Torre dell'Elefante, riapertura dopo i lavori

Riaprirà al pubblico, dopo il lavori di consolidamento strutturale (costati 430.000 euro, interamente a carico dell’Amministrazione comunale), mercoledì 27 ottobre 2021 la Torre dell’Elefante che sarà di nuovo visitabile dai cagliaritani e dai turisti.

I dettagli dell’intervento sono stati illustrati oggi, venerdì 22 ottobre 2021, in una apposita conferenza stampa convocata dal Sindaco Paolo Truzzu, alla quale hanno preso parte, oltre alla Soprintendente Archeologia, Belle Arti, Paesaggio per il Città Metropolitana di Cagliari e le Province di Oristano e Sud Sardegna, Patricia Olivo, anche le Assessore ai Lavori Pubblici, Gabriella Deidda e alla Cultura, Maria Dolores Picciau, e i Dirigenti alla Cultura, Antonella Delle Donne e al Lavori Pubblici, Paolo Pani.

Presenti anche il Vice Sindaco, Giorgio Angius e il Presidente del Consiglio Comunale Edoardo Tocco che hanno assistito alla presentazione dei lavori effettuata dall’architetto Maria Luisa Mulliri.

“Il lavoro è stato lungo e difficile - ha spiegato il Sindaco Truzzu nella Sala del Retablo in Municipio - ma che ha prodotto i suoi frutti. Ci sono state tante difficoltà, ma quello che ora conta di più è che da mercoledì la Torre dell’Elefante sarà di nuovo fruibile”.

Il monumento sarà accessibile, previa prenotazione obbligatoria (sarà necessario chiamare il numero 366 2562826 o collegarsi alla pagina Facebook dei Beni Culturali) tutti i giorni escluso il lunedì dalle 9 alle 15. Disponibili sette turni di visita da un’ora ciascuno, limitati a dieci persone per il momento con un costo che sarà, per il biglietto intero, di 3 euro.

“L’obiettivo - ha spiegato la Dirigente del Servizio Cultura, Antonella Delle Donne - è quello di ampliare la disponibilità ma per il momento siamo ancora legati a questi numeri per far fronte alla normativa di contenimento del Covid-19”.

E la soddisfazione per la riapertura è stata manifestata anche dalla Soprintendente Patricia Olivo che ha seguito in prima persona l’evolversi dell’intervento. “Si tratta di un monumento medievale che ha una struttura lapidea che regge, mentre le strutture in legno sono più delicate e avevano bisogno di un intervento. La difficoltà è stata proprio quella di consolidare la Torre, ma la collaborazione costante tra Comune e Soprintendenza, con architetti e tecnici, mi pare abbia dato un risultato molto soddisfacente”.

“Un intervento - ha aggiunto l’Assessora Gabriella Deidda - interamente finanziato dall’amministrazione che ha permesso al gruppo impegnato nell’intervento, di fare un grande lavoro”.

Ora il monumento torna nella disponibilità della città che potrà giovarne sotto il punto di vista culturale ma anche turistico. In questa chiave, l’Assessora alla Cultura, Maria Dolores Picciau, ha dato una duplice lettura alla riapertura della Torre. “Intanto conto che sia l’inizio di una lunga serie di aperture e ci stiamo impegnando in questo senso. Poi vedo la Torre sotto un duplice aspetto: uno interno, sul ruolo di quello che non è solo un monumento importante ma anche un segno identitario ben radicato, e uno esterno, con un sito che è un potente attrattore culturale e turistico”.

Documenti

Link utili

Ulteriori informazioni

Aggiornamento

27/10/2021, 12:41